Recent Post

Sconti incredibili sui gadget ...

- January 26, 2019

1890: il numero magico della S...

- January 26, 2019

SEO per Aziende: Avanti Tutta ...

- January 26, 2019

Vuoi fare soldi sul web? No e-...

- January 26, 2019

Seo Per Aziende; Dimentica la ...

- January 26, 2019
img

1890: il numero magico della SEO

Posted by:

Il web è un enorme negozio, piazza, mercato, con in più statistiche precise, quindi meno sarà così e molto è così, ad esempio il numero 1890 è un numero magico della SEO, anzi per essere precisi della SERP grazie ai dati ed alle statistiche.

Qualcuno si potrebbe domandare:

1890 cosa?

Bravo, domanda intelligente, fare le domande giuste è più importante che avere tutte le risposte.

 

Il numero magico della SEO

1890 sono la media delle parole presenti nelle pagine che riescono ad andare nella prima pagina di Google dei risultati, la famosa S.E.R.P.

Cosa ci dice di bello questo dato:

potrebbe dire che per andare in prima pagina dei risultati ci vogliono articoli abbastanza lunghi ma non troppo, un numero di parole di poco inferiore a 2000.

Attenzione che la media frega…

Potrebbe essere benissimo che metà articoli-pagine sono di mille parole o meno e l’altra metà di 3000 o più, la media rimane sempre intorno ai 2000!

In ogni modo anche 800-1000 parole non sono poi così poche, quando ovunque sui market place dei freelancer si comprano e si vendono articoli da 300 a max 500 parole.

In pratica il tuo articolo, la tua pagina non devono essere brevi comunicati stampa aziendali farciti di keywords, ma neanche enciclopedie inutili di ripetizione infinita degli stessi concetti.

Questo salvo che non sei già uno dei siti più visitati del web, hai già un altissima autorità, allora è facile andarci con quasi(ripeto quasi) ogni cagata che ti viene in mente di scrivere.

Il posizionamento SEO è una disciplina complessa che nessuno conosce al 100% forse nemmeno più i suoi inventori:

i fattori che influiscono si dice siano ben sopra i 200, vi è un aggiornamento ogni paio d’ore circa all’algoritmo e nessuno sa di preciso il peso che hanno i singoli fattori.

O meglio qualcuno è riuscito a scoprire un po’ di cose ma solo sul passato:

come in Borsa sul mercato azionario puoi scoprire il passato, ma il futuro è incerto perché le condizioni cambiano di continuo.

Così fa anche Google, non puoi avere certezza che fai questo ed andrai automaticamente al primo posto in prima pagina.

Hai una sola certezza riguardo alla SEO:

se i tuoi visitatori sono contenti, scoprono il tuo sito ed è funzionale utile fatto bene e quindi ritornano puoi scommettere che prima o poi anche google ti premierà.

Ti premia perché lo scopo di Google è far contenti i visitatori, fornirgli il miglior risultato possibile, così che il visitatore ha sempre più fiducia in Google e continua ad usare il motore di ricerca ed indirettamente altri servizi forniti da Google.

 

Non fare SEO nel proprio sito aziendale allora?

Non esageriamo, è vero che prima o poi se i visitatori, clienti trovano il nostro sito utile pian piano Google ci premia, ma…

Quel “pian piano” può essere troppo lungo, quindi meglio agire anche su altri fronti che non solo la soddisfazione dei visitatori, che è e resta sempre primaria e quindi da fare sempre.

Per essere davvero utile ai visitatori una certa sostanza ci vuole sull’argomnento, altrimenti il post, la pagina, l’articolo saranno troppo superficiali, senza un vero e proprio valore:

ecco risaltare fuori il numero magico della Seo, 1890!

Fatto le persone, tocca alle cose, ai computer, a Google, Ma pure a Bing…

Nonostante molti si riferiscano a Google come se fosse una persona, un qualcosa di vivo e che ha un suo pensiero ed una sua volontà, nella realtà sono programmi ed algoritmi software che agiscono secondo una logica molto semplice:

se succede questo allora la riposta sarà questa.

Vediamo un esempio:

Se l’articolo di SEOwi è più lungo di quello del New York Times, nei risultati, nella SERP, SEOwi va più in alto del NYT

Detta così sembra semplice pure a me, dove sta la fregatura gigante?

La sola si nasconde nel “se succede questo” che non è una singola cosa come l’esempio sopra, ma composto da oltre 200 parametri differenti, con diverso peso, in costante cambiamento evoluzione.

 

 

Fonte 1890 parole:

The average Google first page result contains 1,890 words. (Backlinko, 2016)

(Source: https://www.hubspot.com/marketing-statistics?__hstc=240018588.3acb4338b5269ddf00c6a16f17f8261d.1542732603892.1543404531072.1545981300973.5&__hssc=240018588.1.1545981300973&__hsfp=533680007)

you're currently offline